Scultura volto uomo – Ida Fuà

790,00

Descrizione

Ida Fuà inizia a scolpire da giovanissima, le sue sculture da classiche diventano man mano sempre più essenziali. L’artista cerca di rappresentare gli stati d’animo più che l’estetica: la parte interiore, le sensazioni, più che la mera rappresentazione della realtà.

Gli occhi delle sue sculture sono sempre sfuggenti, intimiditi dalla realtà circostante, dall’odio della guerra. Ida continua a scolpire per tutta la sua vita.

Qui proposto un arcigno signore in gesso con il viso ripiegato all’ingiù, pensieroso, contratto. Quest’opera risale al primo dopo guerra, è un pezzo unico.

Abbiamo ancora poche sculture di Ida Fuà, scoprile tutte nella sezione dedicata alle sculture sul nostro sito The House Of Vintage!

Stato

Buone condizioni: qualche segno del tempo e di usura sulla superficie.

 

I colori sono il più possibile rispondenti alla realtà, ma la resa cromatica è fortemente dipendente dalla luce con cui sono state effettuate le foto e dalle calibrazioni colorimetriche dei singoli schermi.

Descrizione

Informazioni sull’artista

L’arte è tutto ciò che gli uomini chiamano arte” afferma il filosofo Dino Formaggio. C’è però un’arte che rimane nascosta. Il prodotto di uomini e artisti costretti a rendersi invisibili. Un’arte che, anche oscurata, diventa una forma di resistenza, una rivendicazione della propria identità, una via di fuga dalla coazione della realtà e dal dominio per il quale non si potrebbe nemmeno esistere, un tentativo di esprimersi con ciò che è ancora permesso.

Ida Fuà è una donna ebrea, vissuta durante gli anni del fascismo e delle leggi razziali, un’artista invisibile: ha dovuto nascondere sé stessa insieme alla propria arte. Proveniente dalla ricca famiglia Lolli e moglie di Carlo Fuà, direttore industriale del villaggio Crespi D’Adda, Ida ha passato gran parte della sua vita a Torno, piccolo centro sul lago di Como, dove ha cercato rifugio e protezione nella sua villa solitaria immersa nel verde.

L’artista nel suo atelier con vista lago, ha prodotto la maggior parte delle sue opere: si tratta di sculture raffiguranti volti, busti e particolari profili umani che sembrano un’espressione estetica del suo stesso dramma personale. A colpire con maggiore forza sono probabilmente gli occhi di queste figure: sono occhi dallo sguardo mancato, occhi che forse sognano altrove. Nessuna guarda lo spettatore, nessuna sostiene con lui un rapporti diretto, come nell’indicare un’impossibilità di comunicazione, di fare esperienza dell’altro. Nell’omissione, però, il gesto appare ricco di significato e colmo di emotività, restituendo un ultimo segno di speranza: in questi occhi scostati trapela il desiderio di recuperare lo sguardo, di affermare la propria volontà di esistere, il proprio esserci.

Informazioni aggiuntive

Dimensioni 35 × 26 × 42 cm

Ti potrebbe interessare…